Un’ insensata cavalleria alla carica…

Probabilmente eravamo tutti così rilassati dopo il giorno di riposo che si è trattata di una vera e propria carica. Dopo poco più di due ore di gara avevamo già percorso 105 km emettendo una media di circa 310 watt! E l’andatura così insensata non si è abbassata nemmeno quando 10 corridori hanno deciso di staccarsi. Ho provato anche io ad andare in fuga ma non sono riuscito a gestirla e probabilmente era meglio non provarci. Non avrei avuto le gambe oggi per stare davanti.

Nonostante tutto, la cosa positiva che è emersa dalla tappa di oggi è che è finita prima. Tuttavia mercoledì e giovedi saranno due giorni molto lunghi. Ora sto facendo il conto alla rovescia fino a domenica, giorno in cui avrò completato il mio settimo Tour de France.

Prima della gara ci siamo fatti un sacco di risate. Innanzitutto, Philippe Gilbert ha fatto l’ultimo chilometro per arrivare alla partenza in autobus. Come ogni giorno i giornalisti erano davanti al bus e volevano intervistare il campione belga e Jelle Vanendert che attualmente detiene la maglia a pois. Marcel Sieberg è poi scivolato sulla maglia di Philippe Gilbert facendo partire una grossa risata fra la stampa a cui ci siamo aggregati ridendo sul pavimento del bus. Successivamente André Greipel ha recuperato la maglia a pois ed è uscito e non siamo riusciti a controllare le nostre risate. Quindi, come potete vedere, anche quando ci aspetta una lunga sofferenza durante la giornata l’umore generale della squadra è buono.

Ci vediamo domani in Italia
Seb

Sag uns Deine Meinung

Kommentare